È il primo centro della Sicilia occidentale a dotarsi di questo importante strumento diagnostico. Oggi, basta un semplice esame del sangue, associato all’ecografia in screening del I trimestre, per valutare il rischio di ipertensione in gravidanza

Le mamme di Palermo in attesa hanno una nuova possibilità in più di monitorare lo stato di salute del loro bambino e di conoscere i possibili rischi cui vanno incontro.

Presso l’Ambulatorio di diagnosi prenatale della Casa di cura Villa Serena, il test di screening per le cromosomopatie in gravidanza si arricchisce di un ulteriore campo di indagine, come quello della pre-eclampsia, cioè dello studio dei disordini ipertensivi in gravidanza.

In linea con la Mission di Villa Serena, che pone particolare attenzione ai problemi della gravidanza e, più in generale, alla salute delle donne, l’Ambulatorio di diagnosi prenatale eroga diversi esami ormai ritenuti indispensabili nel campo della medicina fetale, per una corretta assistenza della gravidanza come il test combinato utile per sospettare la Sindrome di Down, cardiopatie congenite , valutazione del rischio di ritardi di crescita del feto e non ultimo disordini ipertensivi della donna durante la seconda metà della gravidanza.

La pre-eclampsia, (pressione alta in gravidanza) con una incidenza del 2-8%, è un disordine frequente in gravidanza che colpisce sia la madre che il nascituro. Le donne con pre-eclampsia sviluppano pressione alta e grandi quantità di proteine nelle urine. Tale condizione patologica incide fortemente sull’esito della gravidanza e rappresenta la causa principale di nascita pre-termine.

Oggi, basta un semplice esame del sangue, associato all’ecografia in screening del I trimestre, per valutare il rischio di ipertensione in gravidanza. Lo screening del I trimestre, eseguito utilizzando il dosaggio di PIGF, consente infatti di identificare le donne a rischio e, quindi, di effettuare un più attento e personalizzato monitoraggio della gravidanza con innovative soluzioni terapeutiche.

Villa Serena è fra le prime realtà in Sicilia, e l’unica fino a oggi  nella Sicilia occidentale, ad offrire questo importante servizio a tutela delle future mamme, in linea con gli standard internazionali con l’ausilio di operatori come il dott. Angelo Gabriele Macaluso, accreditato presso la Fetal medicine Foundation di Londra (FMF), una delle più importanti realtà europee, per l’elaborazione dello screening del I trimestre e per le patologie fetali del II trimestre.

Un ospedale in rosa

La Casa di Cura Villa Serena, accreditata con il Ssr, offre una variegata gamma di prestazioni ambulatoriali, grazie all’indirizzo polispecialistico che la caratterizza, ma ha collocato al centro della propria mission l’attenzione all’emisfero femminile, accompagnando la donna durante tutte le fasi della sua vita e dedicando particolare attenzione al percorso gestazionale, dai controlli prenatali fino all’evento del parto. In linea con la sua lunga e qualificata tradizione di Ostetricia, la struttura ha attivato nuovi servizi e acquisito attrezzature all’avanguardia per potenziare il percorso nascita.

I professionisti del Punto nascita di Villa Serena seguono la coppia e il neonato dalla fase pre-concezionale alla gravidanza, durante il parto e nel post nascita, promuovendo corsi di accompagnamento alla nascita, di sostegno per l’allattamento al seno, di sostegno psicologico, fornendo, così, quel supporto alla genitorialità, utile e talora necessario, soprattutto per le coppie che si trovano per la prima volta a vivere questa straordinaria esperienza.

In quest’ottica ha voluto offrire alle future mamme la possibilità di assistenza gratuita qualificata, durante tutto il percorso della gravidanza, attraverso l’ambulatorio di Ostetricia, diretto dalla dottoressa Roberta Lubrano.

Altro importante e qualificato servizio è rappresentato dall’ambulatorio di Diagnosi Prenatale e Medicina Fetale, diretto dal dr. Angelo Gabriele Macaluso, che offre un’ampia gamma di prestazioni diagnostiche di nuova attivazione: consulenza genetica (programmazione di una gravidanza e/o consulto pre-procedura invasiva); ecografia di datazione I, II, III Trimestre, esame di screening delle aneuploidie (cromosomopatie): test combinato e test del Cell free DNA; ecocardiografia fetale; neurosonologia fetale; ecografia 3D/4D; amniocentesi.

L’Unità Operativa di Patologia Neonatale e Nido, diretto dal dr. Giovanni Muscolino, è dotata di attrezzature di ultima generazione necessarie alla gestione dei neonati patologici (a partire dalla 34esima settimana di gestazione e fino a 1 mese di vita) che possono, dunque, essere gestiti nella medesima struttura senza necessità di trasferimenti.

Un’attenzione particolare agli aspetti psicologici legati alle dinamiche di coppia e al percorso della donna durante la gravidanza, ma anche ai disturbi della sessualità maschile e femminile, è testimoniata dall’istituzione di un apposito ambulatorio, a cura della psicoterapeuta Maria Luisa Novara.

Inoltre, Villa Serena (a partire dal 5 mese di gravidanza) mette a disposizione delle future mamme il Corso di accompagnamento alla nascita, che contempla un totale di 7 incontri ed è gestito da un’equipe multidisciplinare: Anestesista; Ginecologo; Neonatologo; Ostetrico, Odontoiatra e Psicoterapeuta.

L’Ambulatorio di Ginecologia, diretto dal dr. James Cucinella, testimonia la volontà della governance di favorire le pari opportunità di accesso alla salute, in linea con la centralità da sempre assegnata alla paziente e la ricerca continua di standard qualitativi volti al conseguimento di ambiziosi obiettivi di prevenzione e cura nell’ambito della prevenzione, della contraccezione, della sterilità, della menopausa. In particolare, nell’ambito delle patologie tumorali, benigne e maligne, questo ambulatorio offre una consulenza pre-chirurgica gratuita a tutte le pazienti candidate ad un trattamento chirurgico ginecologico, anche inviate dagli ambulatori territoriali di Ginecologia, dal ginecologo curante o dai medici di base, che abbiano già formulato una diagnosi che dia indicazione chirurgica. Laddove quest’ultima dovesse essere confermata l’intervento potrà essere svolto in regime di convenzione con l’SSN.

CONDIVIDI